Testata
giornalistica
online

Direttore Responsabile
Natale Parrinello

Ricerca nel sito:

IN PRIMO PIANO

13 DICEMBRE "SANTA LUCIA"

La tradizione che si ripete

Il 13 dicembre, secondo la tradizione, ricorre il giorno in cui Santa Lucia fu martirizzata nel 304, durante la persecuzione di Diocleziano. Si tramanda che la giovane, appartenente ad una nobile e facoltosa famiglia di Siracusa, recatasi presso il

11 Dic 2021

GIROLAMO FARDELLA

Un eroe trapanese raccontato da Mario Torrente

I trapanesi ebbero il loro “avvocato del popolo” nel 1672. Il suo nome era Girolamo Fardella, ricordato (poco, pochissimo, in realtà quasi dimenticato) in una targa coperta dalla vegetazione che dà il nome alla (quasi anonima) strada che

04 Dic 2021

IL CASTELLO A MARE CON LA VIA DEI TESORI A PALERMO

Sabato, 30 ottobre e domenica 31 una visita guidata al Castrum Inferior

Il misterioso castello con le torride segrete, che fu anche sede della Santa Inquisizione, sarà il sito proposto con la Via dei Tesori.

28 Ott 2021

LE VIE DEI TESORI: DULCIORA "LA SIGNORA INTOCCABILE"

Domenica 24 e 31 ottobre alle carceri dello Steri a Palermo

Dulciora, la “signora intoccabile” che riuscì a gabbare il Santo Uffizio, con Stefania Blandeburgo. “Avreste dovuto vedere le loro facce, uno spasso.

18 Ott 2021

LE VIE DEI TESORI A TRAPANI

Un nuovo viaggio alla scoperta del bello

Un nuovo viaggio alla scoperta della città e del bello, per tre fine settimana dall` 11 al 26 settembre. Il tutto con con il supporto logistico dei giovani di Agorà, che hanno costruito una serie di esperienze profondamente legate al mare: dai

10 Set 2021

TRAPANI: FESTIVAL DELLE IDENTITA` FEMMINILI

Dall`8 al 16 settembre, Trapani diventa palcoscenico per le donne

Con il primo Festival delle Identità Femminili: “Ma(d)re Mediterraneo”. Trapani sarà palcoscenico di spettacoli, concerti, monologhi teatrali, lettura, poesie, conversazioni, dibattiti e tanto ancora in cui le donne sono protagoniste, capaci

03 Set 2021

FIABA PER PICCOLI E ADULTI E TANTO ALTRO...

A Petralia Sottana, apre Emma Dante ed a seguire ...

Sarà la “fiaba per piccoli e adulti” di Emma Dante ad aprire domani sera (sabato 7 agosto) alle 21,30 all`anfiteatro nella Pineta di Petralia Sottana (PA) il neonato festival Petralia chiAma, nato dalla voglia di rimettersi in moto e

06 Ago 2021

I PRESEPI D`ARTE TRAPANESI

Una tradizione che si ripete da secoli

La consuetudine diffusa in Sicilia di celebrare il Natale con il presepe indusse, nei secoli passati, i maestri trapanesi a realizzare con gli stessi materiali con i quali creavano piccole sculture e statuine votive - corallo, avorio, alabastro - anche singoli pastori o composizioni presepiali di varie dimensioni.
Non sappiamo quando ebbe inizio tale usanza, tuttavia da un documento del 1571, il Conto di Cassa del Tesoro Generale del Regno di Sicilia, si evince che la scena della Natività era inserita nella cosiddetta Montagna di Corallo, una ricca composizione, oggi dispersa, formata da 85 figure in corallo e donata al re di Spagna, Filippo II.
Il più noto tra i presepi trapanesi è sicuramente quello in rame dorato, argento, corallo e smalti (fine secolo XVII - inizi XVIII) che si trova oggi esposto nel Museo regionale di Trapani “Agostino Pepoli”, e proviene dalla collezione ericina del conte Francesco Hernandez. E’ montato su una base di rame dorato (di circa 44 cm.) ed ha per scenografia una architettura in legno, rivestita da lamina di rame con inserti di corallo usati per formare plinti, colonne, bugne ed archi; il tutto è ricoperto da una fitta vegetazione di foglie e fiori che si inseriscono fra le strutture del finto edificio.
Le figure di Maria, San Giuseppe, del Bambino, dei pastori e dell’angelo sono realizzate con frammenti di corallo legati insieme con la ceralacca: è inoltre presente una tipica figura di donna con canestro sulla testa, che si ritrova anche in un piccolo presepe in avorio e corallo, cui fa da apparato una grotta costituita da piccoli pezzi di madreperla, applicati su sughero.
Originale è poi la produzione trapanese di presepi con ambientazione scenica in materiali marini nei quali le figure sono disposte tra le balze e gli anfratti di una montagna formata da conchiglie, coralli ed altri materiali tratti dal mare.
Una costante dei presepi d’arte trapanesi è il rudere antico, introdotto in Sicilia nel presepe della chiesa parrocchiale di Scicli e attribuito ad artigiani napoletani della seconda metà del secolo XVI, poi rinnovato nel 1776 da Pietro Padula. Il rudere testimonia l’adesione al cosiddetto “rovinismo” che portò scultori, pittori e architetti ad inserire architetture in rovina nella loro produzione, sia come allusione alla cultura classica, sia come evocazione della distruzione del paganesimo, operata dalla religione cristiana.
Nei secoli XVII e XVIII i maestri trapanesi realizzarono con squisito gusto e maestria altri manufatti di pregio con materiali più semplici come il “legno tela e colla”, adoperando la stessa tecnica realizzativa dei Misteri: uno dei più famosi “pasturari”, come venivano denominati gli autori di statine da presepe, ad usare questa particolare tecnica fu Giovanni Matera (1653-1718) che scolpiva, accuratamente, sul legno di tiglio i volti, le gambe e le parti nude delle figurine, sbozzava appena la loro ossatura interna e su questa appoggiava piccoli pezzi di tela o lino finissimi, impregnati di colla e gesso, che venivano poi variamente colorati. I risultati erano simili al legno e sempre vario e vivace risultava l’effetto delle pieghe, drappeggiate direttamente sulle statuine. Ogni piccola scultura, anche se ripeteva uno stesso soggetto, era pertanto sempre diversa, sia per il panneggio delle vesti, sia per l’immediatezza degli atteggiamenti e l’espressione dei volti, talvolta sofferta, talvolta drammatica o carica di fede. Numerose opere di Matera, definite “un trionfo della miniatura”, si trovano oggi conservate presso il Museo Etnografico G. Pitrè di Palermo e presso il Museo Pepoli di Trapani, mentre la serie più significativa, dal punto di vista stilistico, è conservata al Bayerisches National Museum di Monaco di Baviera. La peculiarità di queste sculture di piccolo formato consiste nel vigore espressivo con cui Matera rende i sentimenti e nella sua capacità di dare ad esse forma, movimento e colore, ricollegandosi alla pittura seicentesca di ambito realistico e alle movenze dello scultore contemporaneo Giacomo Serpotta.
L’arte del Matera influenzò molti contemporanei e la tecnica del “legno tela e colla” fu usata da altri contemporanei e continuata nel secolo XVIII.
I soggetti rappresentati nei presepi trapanesi sono quelli tipici del repertorio siciliano, che Giuseppe Pitrè, uno dei massimi studiosi siciliani di tradizioni popolari, classifica in tre categorie: nella prima inserisce quelli che al momento della nascita di Gesù, secondo i Vangeli e le sacre tradizioni, si trovavano nella grotta di Betlemme, cioè la Madonna, San Giuseppe, il bue, l’asinello e gli angeli; nella seconda classifica i personaggi che si recarono a far visita al Bambino e cioè Magi, pastori, viandanti; nella terza inserisce personaggi non facenti parte della Natività ma protagonisti di episodi successivi come ad esempio la “strage degli Innocenti”.
Nei presepi in “legno tela e colla” folta è la schiera di personaggi che si reca a visitare il Bambino Gesù: Magi con abiti regali, quasi sempre accompagnati da servi che ne agevolano il cammino trattenendo il lungo mantello, pastori che si inginocchiano in segno di devozione, mulattieri con bisacce che vengono da lontano, trasportatori di barili di vino, viandanti che si appoggiano ad un bastone o portano sulle spalle un pesante fardello, pastorelle e contadine, pastori che dormono o che al risveglio sono abbagliati dalla luce della stella cometa. Sempre presente è il ciaramellaio, il suonatore di cornamusa che partecipa alla gioia dell’evento suonando il suo strumento. Numerosi sono anche gli animali: pecore, buoi, capre, asini, cavalli e talvolta anche i cammelli, tutti scolpiti in legno.
Il sistema di custodire i presepi completi in bacheche, le cosiddette “scarabattole” o “scaffaratelle” (forse dal catalano “escaparata”), indica l’evolversi della tradizione presepiale che, da fatto prettamente religioso, si trasforma in esposizione di oggetto d’arte ed assume valore di arredo nelle case degli aristocratici e dei borghesi siciliani che spesso sfruttavano l’occasione dell’esposizione del presepe per organizzare incontri, rinfreschi e ricevimenti.
Un conto di spese del 1658 per l’allestimento del presepe nella chiesa di San Domenico a Palermo attesta l’usanza di offrire, anche in chiesa, qualcosa da mangiare ai visitatori: oltre alle spese per l’acquisto di chiodi, spilli, ferri e supporti, vengono infatti annotate nel conto anche le spese per caramelle, noci e caciocavallo.

LINA NOVARA

Cultura

LA MEDICINA NEL MEDIOEVO

Il primo ospedale: il Monastero

-Rhazes cura un piccolo malato - Il Monastero fu il primo luogo di accoglienza e cura del Medioevo, allorché l’Europa tornò indietro di molti secoli quando crollò l’Impero Romano! In quel tempo quasi tutte le conoscenze del sapere

RICCHEZZA CULTURALE CRISTIANA TRA AFRICA E ROMA

Trapani com`era

Ci fu un tempo a Trapani in cui la cristianità non era intesa come conquista e dominazione, ma come accoglienza e conciliazione di culture religiose mediterranee. Ci sembrerà strano ma secondo un nostro concittadino, lo storico Prof.

Foto non disponibile

PRIZZI (PA): un borgo da visitare

La Montagna dei Cavalli e l`antica Hippana.

Prizzi, paesino di circa 4000 ab. a 1045 metri di altezza, circondato da fresche aree selvatiche e naturali, che sovrasta i Monti Sicani su cui è arroccato, offre un panorama mozzafiato.

MAZARA DEL VALLO: APPUNTAMENTI CULTURALI ESTIVI

Giovedì 20 Giugno ore 21:00 Piazza Mokarta

Sulla Terrazza dell’Alhambra si inaugura la stagione degli appuntamenti culturali estivi promossi dall’Istituto Euroarabo di Mazara del Vallo, con il patrocinio dell’Amministrazione civica e in collaborazione con gli Amici della Musica, le

MONTALBANO ELICONA(ME): FRA I BORGHI PIU` BELLI D`ITALIA

La valorizzazione dei luoghi passa anche attraverso il cantautore Franco Battiato

Montalbano Elicona, uno dei Borghi più belli d`Italia ha aderito al comitato "Milo Franco Battiato". La Sicilia è fucina di illuminazioni artistiche e la storia ci riporta numerosi esempi anche di forestieri che dalla notte dei tempi

TERRASINI(PA): QUANDO CORREVA IL NOVECENTO

Mostra fotografica il 18 e 19 Maggio dalle 17:30 presso Biblioteca Comunale

Fotografie di Caterina Blunda, Evelin Costa, Mara Manzella, Pino Manzella, Nicola Palazzolo e Massimo Russo Tramontana. Dall’introduzione di Lavinia Spalanca: Dov’eravamo mai in quel mattino / quando correva il Novecento…».

PALERMO: CICLO MISTERI

Sabato 18 maggio

Antichi rituali, formule incantatorie e significati magico – simbolici, tramandati da generazioni a generazioni, che trovano origine in un passato assai lontano al centro di “Palermo misterica.

ALLA SCOPERTA DELLA SICILIA ANTICA

Escursione del Gruppo Archeologico Drepanon

“Alla scoperta della Sicilia antica” è il fortunato slogan con il quale Gruppo Archeologico Drepanon, da ormai tredici anni, fa riscoprire ad un numero sembra maggiore di appassionati il patrimonio culturale meno noto della Sicilia e non solo.

Una passeggiata per la città dalle cinque torri: Trapani

Curiosità tra le antiche vie

Trapani all`apparenza è una città dormiente, per come la conosciamo. Ci fu un tempo in cui (XIV e XV sec.) fu il baluardo politico, economico e culturale più importante della Sicilia occidentale, per la collocazione geografica, per i porti (ne

INFORMAZIONI

Se desideri scrivere un articolo, invialo all'indirizzo redazione@eventiculturalisicilia.it lo prenderemo in considerazione e lo pubblicheremo con il nome dell'autore.

Oppure puoi fare una segnalazione riguardante un evento, prima o dopo la promozione, o un argomento storico o culturale.

Eventi Culturali Sicilia
Sito realizzato da Francesco Parrinello

traghettilines
SPAZIO PUBBLICITÀ