Testata
giornalistica
online

Direttore Responsabile
Natale Parrinello

Ricerca nel sito:

IN PRIMO PIANO

SCIACCA: IL ROMANZO "BAIRES"

Mercoled` 17 Maggio aòòe 18:30 al Circolo di Cultura

Per la prima volta a Sciacca, Chiara Rapaccini autrice di Baires e di Amori sfigati. Sarà presentato presso il Circolo di Cultura di Corso Vittorio Emanuele, 90 il nuovo romanzo "Baires" (Fazi editore) della scrittrice, vignettista e

16 Mag 2017

CATANIA: MAGGIO DEI LIBRI 2017

135 appuntamenti letterari dal 23 Aprile al 31 Maggio

Presentato il programma del Maggio dei libri 2017 Sono 135 gli appuntamenti letterali che si svolgeranno in tutta la città.

24 Apr 2017

"CAVALCANDO L`ONDA"

"Il clandestino" tratto dal libro di Franco Agate.

IL CLANDESTINO Qualcosa iniziava a insinuarsi nei suoi pensieri, rimase a osservare il mare appena increspato, azzurro e luminoso. Il sentire pulsare le vene irrorate dal sangue lo rese più silenzioso del solito.

24 Ott 2016

TERRASINI: " LA NOTTE DI SILVIA "

Presentazione del libro il 16 settembre ore 18:30 presso il Margaret Cafè

Al Margaret Cafè,a Terrasini (PA), si terrà la presentazione del libro “La notte di Silvia”, Castelvecchi Editore, romanzo d’esordio della giornalista Stefania Parmeggiani.

12 Set 2015

PALERMO: PROSSIMA FERMATA

In uscita il 21 febbraio l`antologia di racconti di RAYMOND QUENEAU

Dopo più di un secolo dalla sua nascita, lo scrittore francese Raymond Queneau riesce a non cadere nell’oblio, anzi la sua opera è così fresca e attuale che continua a ispirare scrittori navigati e giovani leve del mondo letterario.

13 Feb 2015

MATTEO MESSINA DENARO di SALVATORE MUGNO

Libreria del Corso di Stefanetti & Cirinesi - Trapani

Edizioni: Massari editore La cronistoria di Matteo Messina Denaro "un padrino del nostro tempo". da pag.

14 Mag 2011

IL PROFUMO DELLE FOGLIE DI LIMONE di CLARA SANCHEZ

Libreria del Corso di Stefanetti & Cirinesi - Trapani

Edizioni: Garzanti Spagna, Costa Blanca. Il sole è ancora caldo nonostante sia già settembre inoltrato. L`aria è pervasa dal profumo di limoni che arriva fino al mare.

14 Mag 2011

SCHIAVITU’ MEDITERRANEE

Corsari, rinnegati e santi di età moderna

Il Mediterraneo, in epoca moderna, fu teatro di Pirateria e Guerra da Corsa.

Pirati e Corsari razziavano allo stesso modo uomini e merci, ma mentre i primi lo facevano in maniera illegale, i secondi erano legalizzati dalle Istituzioni.
E la Sicilia, per la sua posizione geografica, si trovò al centro di questo scenario.
Trapani pagò un alto contributo di vite umane.

Così, al convegno tenutosi all’Officina degli Studi Medievali nella sede di Trapani, GIOVANNA FIUME, docente universitaria di Storia Moderna e autrice del saggio “Schiavitù Mediterranee", relazionando sul fenomeno, ha coinvolto gli spettatori trapanesi, trasportandoli in un’epoca che possiamo fermare tra il 1400 e il 1700, in cui i nostri antenati ebbero il duplice ruolo di schiavi e corsari.

Prima dell’avvento dell’Impero Ottomano, la schiavitù, nel Mediterraneo proveniva dal mondo slavo, attraverso le colonie delle Città Marinare in Oriente. Kaffa (Crimea), colonia genovese sul Mar Nero, era un mercato di schiavi slavi.

Con la caduta di Costantinopoli (1453), uno dopo l’altro cadono tutti gli avamposti occidentali in Oriente. Si assiste all’ascesa della potenza Ottomana, che pian piano arriva fino al cuore dell’Europa: Vienna.
Nel 1475 cade la città di Kaffa e lo schiavismo si sposta sulle coste dell’Africa.

Il deserto del Sahara, che sembra invalicabile, era attraversatato da 7 autostrade: percorsi tracciati dalle carovane. Esse arrivavano ed arrivano tutt’oggi fino alle coste del Mediterraneo, nei cui porti c’era la compravendita di schiavi neri.

Furono gli Ottomani a dare il via allo schiavismo bianco del Mediterraneo, razziando le coste europee e facendo prigionieri uomini e donne.
Lungo le coste, quindi, a partire dal 1500, sorsero le torri di avvistamento, sui tetti delle quali veniva acceso un fuoco allorché venivano avvistati i Saraceni(Ottomani).
Alla vista del falò, la gente lasciava tutto per ritirarsi nelle roccaforti o nelle Chiese (la Chiesa di San Vito Lo Capo è essa stessa una torre-castello).
Da torre a torre, si accendevano i falò e al largo del mare si poteva vedere tutto il litorale allertato dai fuochi.

Inoltre, per contrastare la pirateria, si affidò la protezione delle coste ai Corsari, che scatenarono una lunga e lucrosa Guerra da Corsa. Gli stessi vennero patentati dal re a cui devolvevano 1/5 del bottino e furono sovvenzionati anche da mercanti e banchieri.
A Trapani era il Conte Fardella a rilasciare le patenti ai Corsari.

Le peculiarità di questo tipo di schiavismo furono:

a) stante la vicinanza geografica, era possibile far avere notizie a casa per poter essere riscattati e tornare cittadini liberi;

b) lo schiavismo fu registrato da ambo le parti: musulmani con schiavi cristiani e cristiani con schiavi musulmani; il fenomeno si ammantò da subito di toni religiosi dando origine ad una serie di abjure e conversioni;

c) mentre era difficile per gli islamici diventare cristiani, era molto facile per i cristiani diventare musulmani. Bastava alzare il dito indice al cielo e dire: “Allah è il vero Dio e Maometto è il suo profeta”;

d) l’intromissione della Chiesa, terrorizzata dalla possibile abjura della fede. La Chiesa fece di tutto perché i cristiani venissero riscattati e tornassero a casa.
Gli archivi ecclesiastici trapanesi, esplorati dall’autrice, si sono rivelati rigogliose fonti di lettere di schiavi cristiani indirizzate alla famiglia di appartenenza!
(Si registrarono più di 850 processi a rinnegati).

Ma era inevitabile che accadesse la promiscuità religiosa. Molti schiavi mori diventarono santi (Beato Antonio Etiope, San Benedetto il Moro). Altresì molti rinnegati riuscirono a convivere con le due religioni: nell’Islam, infatti, il rapporto con Dio è molto personale, per cui le due religioni non fecero fatica a coesistere.

Trapani ospitava più di 2000 schiavi mori, anche i sacerdoti possedevano schiavi. Il loro mercato era la Loggia della Città.

Ma le conseguenze di questo conflitto religioso e umano furono molto positive: le culture si amalgamarono, nacque una lingua franca, costituita da parole arabe, turche, italiane,francesi.
Una lingua parlata in tutti i porti del mediterraneo, capita da tutti i marinai.

Nascono i principi collettivi che diedero vita all’individualismo moderno.

Esempio eclatante fu Trapani. Il Pugnatore nella “Storia della Città di Trapani” anno 1595, ebbe a scrivere che un Magistrato trapanese, annoiato dalle continue lamentele che gli schiavi sollevavano avverso i padroni, anche perché non riusciva a capirli bene per come si esprimevano, stabilì che un giorno all’anno venisse affidata agli stessi schiavi l’amministrazione della loro giustizia.

Nella casa del padrone veniva scelto lo schiavo più saggio che per 3 giorni di seguito si sostituiva al Re e amministrava la giustizia per gli schiavi, nella maniera più obiettiva e onesta possibile.
Il Padrone era obbligato a obbedire alle decisioni che venivano prese dal “sostituto re” perché diventavano leggi.

Trapani aveva gettato le basi per un nuovo tessuto sociale: la nascita del diritto internazionale!

-------------------------------------------------
Giovanna Fiume è docente di prima fascia di Storia Moderna alla facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Palermo. Organizzatrice di diversi laboratori culturali e autrice di numerose pubblicazioni e saggi, ha riscosso il favore della critica e del pubblico.

Se non visualizzate questo video scaricare flash

Autore: Mariarosa Fiorino

Libri

Paolo Giordano a Marsala

Il Corpo Umano

Il 7 Dicembre, alle ore 18.00, presso il Complesso Monumentale San Pietro di Marsala, avrà luogo la presentazione ufficiale dell’ultimo lavoro letterario di Paolo Giordano, intitolato Il corpo umano, ed edito da Mondadori. Lo scrittore

Volalibro a Noto, capitale della cultura del sud-est.

Così si formano le coscienze

Giunge alla quinta edizione Volalibro, il Festival della Cultura dei ragazzi, che si svolge dal 23 Novembre al 2 Dicembre 2012 a Noto: un miracolo che si ripete a dispetto della crisi e di dati che parlano dell’Italia e in particolare della

IL SOLE IN VALIGIA

Dalla raccolta “Transizioni - Transitions” in italiano ed in inglese di Pietro Barbera.

In quella valigia legata col cordoncino ho messo dentro tutto quello che potevo: il vestito nuovo del matrimonio, la rosa secca del primo amore, il profumo del Mediterraneo, la rabbia per la mia terra arida di speranze, gli occhi pazienti

SCHIAVITU’ MEDITERRANEE

Corsari, rinnegati e santi di età moderna

Il Mediterraneo, in epoca moderna, fu teatro di Pirateria e Guerra da Corsa. Pirati e Corsari razziavano allo stesso modo uomini e merci, ma mentre i primi lo facevano in maniera illegale, i secondi erano legalizzati dalle Istituzioni.

VETRINA: LA STORIA PRESA PER LA GOLA di ANTONINO TOBIA

IL CIBO: COMUNIONE DI POPOLI

-Peppe Giuffrè EDITORE- Elegante e semplice, serio ed un po’ faceto, erudito ed umile, questo è lo stile che Antonino Tobia, colto umanista e storico trapanese, ha scelto per trasmetterci tutto l’amore che prova per la sua terra.

INFORMAZIONI

Se desideri scrivere un articolo, invialo all'indirizzo redazione@eventiculturalisicilia.it lo prenderemo in considerazione e lo pubblicheremo con il nome dell'autore.

Oppure puoi fare una segnalazione riguardante un evento, prima o dopo la promozione, o un argomento storico o culturale.

Eventi Culturali Sicilia Tel. 0923 26953 - Fax 0923 829897
Sito realizzato da Francesco Parrinello

traghettilines
SPAZIO PUBBLICITÀ