Testata
giornalistica
online

Direttore Responsabile
Natale Parrinello

Ricerca nel sito:

IN PRIMO PIANO

CALATAFIMI SEGESTA: LA SICILIA DAGLI INZI DEL `900

Il 6 e 7 agosto presso il quartiere Circiara.

Un ecomuseo che racconta la Sicilia degli inizi del ‘900. Un villaggio delle tradizioni, allestito nel quartiere antico della “Circiara”, dove il visitatore si troverà proiettato indietro nel tempo, tra le tante scene di vita contadina e le

25 Lug 2017

SCETTICUS E LO SPECCHIO DELLE TRAME

Della legge elettorale, del prima e del poi...

Specchio o specchio delle sue trame... aiutaci a svelare i complotti del parlamentare...la sua macchinazione è sempre perfetta...sembra che si "sciarria" ma proporzionale... maggioritario...mattarellum...porcellum...italicum...

03 Giu 2017

PALERMO: "CIAPANI" di MARCO BOVA

Mercoledì 24 Maggio presso Ordine dei Giornalisti alle 10:30

Nella sede dell’Ordine dei giornalisti di Sicilia, in via G. L. Bernini52, a Palermo, sarà presentato il docufilm "Ciapani – Trapani senza marketing", regia di Marco Bova. Un prodotto indipendente che racconta il viaggio metafisico,

22 Mag 2017

AGRIGENTO: LEONARDO DA VINCI E LA FRASE MUSICALE

Venerdì 19 Maggio presso l`Accademia di Belle Arti "Michelangelo"

Svelata la frase presente nel cartiglio musicale del ritratto di musico di Leonardo da Vinci. Lo studioso siciliano Giuseppe Petix presenterá le sue scoperte, in anteprima internazionale, presso l`Accademia di Belle Arti `Michelangelo` di

12 Mag 2017

FM 106.00 FM 106.00 FM 106.00 FM 106.00

Radio Azzurra & Kairos per la cultura

La redazione del sito di informazione culturale Kairos, nato da un`idea della giornalista Margherita Ingoglia, attraverso la fusione con Radio Azzurra, condurrà i suoi lettori in un nuovissimo viaggio artistico e letterario.

12 Mag 2017

BARCELLONA POZZO DI GOTTO(ME): PARCO MUSEO JALARI

Domenica 7 Giugno, organizzato da Startup Messina.

Si terrà domenica 7 maggio, alle ore 10:00, presso il Parco Museo Jalari di Barcellona Pozzo di Gotto, il terzo ed ultimo appuntamento messinese con le “Invasioni Digitali 2017”, evento organizzato per la città dello Stretto

06 Mag 2017

SCETTICUS: IL VOTO E` SEGRETO ANCHE PER "LUI"

Dentro la cabina elettorale a tutti è vietato guardare...

Si avvicina l` 11 giugno...tutti siamo chiamati al voto...e la cabina elettorale diventa il "regno" degli elettori...ciascuno può esprimere il consenso a chi gli pare... decidendo di dare la propria preferenza...

19 Apr 2017

TRAPANI, IPAZIA L`ERESIA DELLA COERENZA

Una vita a servizio della libera ricerca della verità.

Visse ad Alessandria d’Egitto una donna straordinaria “chiamata Hypatia, figlia del filosofo Theone, che ottenne tali successi nella letteratura e nella scienza da superare di gran lunga tutti i filosofi del suo tempo. Provenendo dalla scuola di Platone e di Plotino, lei spiegò i principi della filosofia ai suoi uditori, molti dei quali venivano da lontano per ascoltare le sue lezioni" così Socrate Scolastico scrive nella sua Historia Ecclesiastica.

Questo il tema del convegno organizzato dall`OFFICINA DI STUDI MEDIEVALI di Trapani, il 6 dicembre presso l`Istituto Europeo di Via G. Marconi, relatore prof. SALVATORE BONGIORNO, che così presenta la donna:

“Bella, aristocratica e dotta, nacque ad Alessandria intorno al 370 d.c., figlia di Theone, geometra, matematico ed astronomo (osservò l`eclisse solare del 15 giugno 364 e quella lunare del 26 novembre) fu allieva prima del padre, ma dopo, secondo lo storico Filostorgio, «ella divenne molto migliore del maestro, particolarmente nell’astronomia e che, infine, sia stata ella stessa maestra di molti nelle scienze matematiche» e per Damascio, filosofo bizantino, «fu di natura più nobile del padre, non si accontentò del sapere che viene dalle scienze matematiche alle quali lui l`aveva introdotta, ma non senza altezza d`animo si dedicò anche alle altre scienze filosofiche» che concepì come «uno stile di vita, una costante, religiosa e disciplinata ricerca della verità»”

Siamo abituati a sapere molto dei martiri cristiani, ebbene Ipazia fu una martire pagana, per opera di cristiani.

Alessandria in quel tempo era la capitale del Mediterraneo dello scibile umano: possedeva una biblioteca con 700.000 volumi, 4.000 palazzi, la prima Università della storia. Era un centro d’incontro di razze e culture diverse.

Il paganesimo, nella storia dell’uomo, era stato accoglienza e conciliazione di culture religiose mediterranee. C‘era soprattutto libertà di pensiero, e la religione andava a braccetto con la ragione.
Era naturale per i pagani andare al tempio a pregare e poi scendere in biblioteca a consultare i libri di scienza.
Non paganesimo, ma libera ricerca, diceva Diderot.

In questo contesto, Ipazia formò la sua mente e il suo spirito, liberi da preconcetti. Ed era così innamorata della ricerca della verità, da scegliere di rimanere vergine per amore della libertà.

Divenne capo della Scuola Neoplatonica di Alessandria e non ebbe mai atteggiamenti arroganti, anzi indossava il mantello da filosofa per andare nell’Agorà a commentare pubblicamente non solo le opere di Platone e Aristotele, ma ad insegnare generosamente, come maestra di vita, la filosofia neoplatonica con gli strumenti della matematica e della geometria :” il grande libro della natura è scritto con caratteri matematici, e solo attraverso questi ultimi è possibile la sua lettura”.

Accolse nella sua casa tutti coloro che desiderassero ascoltarla, senza distinzione di ceto, per questo suscitò amore ed ammirazione, non solo tra i suoi discepoli, ma nella città intera.
Era così saggia ed assennata da essere considerata una guida spirituale ed anche le persone più colte ed i capi della città provavano per lei un timore riverenziale e la consultavano prima delle loro scelte, tenendola in grande considerazione.

Ma tanto carisma suscitò l’invidia dei potenti cristiani, non le perdonarono di essere, prima, una donna e poi una maestra di vita che aveva scelto di donare agli altri la sua immensa cultura.

Il Cristianesimo, in quel tempo, stava gettando le sue basi e per meglio crescere si alleava con il potere politico. Nel 391 Teodosio lo aveva dichiarato religione di stato e aveva proibito la celebrazione di ogni altro culto, legalizzando la persecuzione contro il paganesimo e gli ebrei.
Il rancore dei cristiani portò a molte violenze, venne distrutta la Biblioteca e ciò che era rimasto del Museo, insieme ai templi greci.

Nel 412, ad Alessandria divenne patriarca il fondamentalista Cirillo (che successivamente fu fatto santo).Questi, invidioso dell’ammirazione che gli alessandrini avevano per Ipazia (era rimasto impressionato della moltitudine di genti che sostava davanti alla sua casa, per ascoltarla), aveva visto nella scuola neoplatonica un attentato alla nascente religione cristiana, fatta di dogmi, perciò filosofi e scienziati furono perseguitati come eretici.

Ipazia si trovò stritolata da questa politica religiosa e fanatica.

Lei, che aveva separato la filosofia dalla religione, rendendole autonome l’una dall’altra: da una parte la ricerca logica e scientifica e dall`altra la scelta di fede come fatto personale, non poteva essere tollerata da Cirillo.
Venne arrestata e accusata di eresia, le fu chiesto di convertirsi e di abiurare le sue idee. Ma Ipazia coerentemente rifiutò.
Allora Cirillo, maturò l’orrenda decisione e si rivolse a monaci fanatici e violenti detti “parabolari”.

Era il mese di marzo del 415, nel periodo della quaresima: un gruppo di cristiani «dall`animo surriscaldato, guidati da un “pio lettore di sacre scritture” di nome Pietro, si misero d`accordo e si appostarono per sorprendere la donna mentre faceva ritorno a casa. Tiratala giù dal carro, la trascinarono fino alla chiesa che prendeva il nome da Cesario; qui, strappatale la veste, la uccisero usando dei cocci.
Dopo che l`ebbero fatta a pezzi membro a membro, trasportati i brandelli del suo corpo nel cosiddetto Cinerone, cancellarono ogni traccia bruciandoli.
Questo procurò non poco biasimo a Cirillo e alla chiesa di Alessandria. Infatti stragi, lotte e azioni simili a queste sono del tutto estranee a coloro che meditano le parole di Cristo» (Socrate Scolastico).

Dopo l’uccisione di Ipazia fu aperta una inchiesta, ma il caso fu archiviato per la corruzione dei funzionari. Nel 485, quando il filosofo pagano Damascio (biografo della vita di Ipazia) si recò ad Alessandria ancora «vivo e denso di affetto era il ricordo dell`antica maestra nella mente e nelle parole degli alessandrini».

Ipazia scrisse diverse opere e trattati usando il suo metodo didattico-divulgativo (commento all` "Aritmetica" di Diofanto; il trattato, in otto volumi, sulle "Coniche di Apollonio”; l`importante Corpus astronomico, raccolta di tavole sui corpi celesti), che vennero distrutte dal fanatismo cristiano.

Le sole notizie di prima mano su di lei le troviamo nelle lettere di Sinesio di Cirene, poeta e oratore, il suo allievo prediletto che la chiamò madre, sorella, maestra e benefattrice.

Per mezzo di lui sappiamo che gli interessi di Ipazia spaziarono anche nella meccanica e nella tecnologia: disegnò strumenti scientifici come un astrolabio piatto (strumento atto a misurare la posizione dei pianeti), uno strumento per misurare il livello dell` acqua, uno per distillarla, e un idrometro di ottone per determinare la gravità (densità) di un liquido.

Nonostante tutto, la cultura ellenica sopravvisse a Bisanzio e lì nella Biblioteca di Costantinopoli furono conservate copie delle opere della nostra filosofa, che, quasi a far giustizia, furono trafugate e portate a Roma proprio nella Biblioteca Vaticana, dove vennero alla luce per caso, nel Quattrocento.

Nella lotta per il potere, l’ottusità cristiana fece perdere all’Occidente le conquiste fatte dall’uomo nel campo della scienza. Furono gli Arabi, che venendone a contatto ne apprezzarono il valore e le custodirono, a restituircele in parte, durante il rifiorire della loro civiltà nel mediterraneo.

Hipatia venne censurata da tutti i libri di filosofia antica, non si parlò più di lei. Così la chiesa nascose la sua complicità all’orrendo delitto.

Di recente è stato fatto un film sulla vita ed il pensiero di Hipatia: AGORA’ .
Ma anche questo è stato boicottato: le sale cinematografiche lo hanno tenuto pochissimo.
Non si può certo dire che un padre della chiesa e per giunta santo si fosse macchiato di cotanto scempio.

La persecuzione non è ancora finita.

Autore: Mariarosa Fiorino

Cultura

Una passeggiata per la città dalle cinque torri: Trapani

Curiosità tra le antiche vie

Trapani all`apparenza è una città dormiente, per come la conosciamo. Ci fu un tempo in cui (XIV e XV sec.) fu il baluardo politico, economico e culturale più importante della Sicilia occidentale, per la collocazione geografica, per i porti (ne

SCETTICUS: PERCHE` MI GUARDI COSI` ?

La "controemigrazione"...

Sono povero come vuoi tu... ho i jeans rattoppati...un`espressione beata...con la laurea in tasca...senza futuro...pronto per emigrare...

SCETTICUS: ARRIVERA` L` 11 GIUGNO

Ci sarà la svolta ?

L` 11GIUGNO, i Siciliani saranno chiamati alle URNE per scegliere i loro amministratori. Scetticus si veste da Sherlock e riflette...

Il grande Esodo della Sicilia Occidentale tra il 1880 ed il 1924

Il Museo dell’Emigrazione di Santa Ninfa

Foto: ELLIS ISLAND (l`isola delle lacrime) - Andare a Santa Ninfa, piccolo comune del trapanese, con il gruppo di simpatizzanti archeologi del GAD ed imbattersi nel Museo dell’Emigrazione, quasi per caso.

SCETTICUS: SPQR

Un senato costituzionalmente cagionevole

Una volta, i patrizi ed i plebei accedevano al seggio senatoriale e indossavano la "candida" in segno di riconoscimento ...a ottobre prossimo ...

SCETTICUS: LE COPPIE DI FATTO

"Civil partnership" or "Common-law marriage"

Ma come mai questa volta non hanno scelto l`inglese....come altre volte? "reverse charge" ..."privacy"..."governance"... "question time"..."jobs

SCETTICUS: LA PENSIONE CHE VERRA`

Pensioniamoci sopra...

Abracadabra...la pensione c`è e non c`è...per alcuni c`è eccome c`è...per altri ci potrebbe essere...ma non si sa quanto...per molti non si sa quando e se ci sarà un

"U ZZU CICCIU" HA RISCOPERTO IL CALCOLO INFINITESIMALE

di PEPPE DITTA – PACECO undici – dicembre 2006 – Ed. La Koinè della Collina

"U zzu Cicciu", contadino figlio di contadino, era avvezzo a una vita spartana e piena di stenti; anzi era vissuto, poverino, sin dalla nascita con gli stenti e per “tradizione” di famiglia non aveva conosciuto altro che

I Sicani: dalle alture di Caltanissetta al Mare di Gela

Alla scoperta della Sicilia Antica

Con il Gruppo Archeologico “Drepanon” di Trapani(www.drepanon.org) dal 25 al 27 aprile 2014 abbiamo visitato alcune delle are archeologiche del territorio di Caltanissetta. Uno spettacolo mozzafiato si è aperto davanti al gruppo, allorchè

L’agorà di Paceco

Sopravvivenze sociali, per fortuna!

Spesso abbiamo parlato di monumenti ed eventi culturali, rispolverando temi cari all’archeologia ed alla storia di un territorio, ma finora, credo, non è stato ancora presentato una località e la sua organizzazione urbanistica per esaltarne il

INFORMAZIONI

Se desideri scrivere un articolo, invialo all'indirizzo redazione@eventiculturalisicilia.it lo prenderemo in considerazione e lo pubblicheremo con il nome dell'autore.

Oppure puoi fare una segnalazione riguardante un evento, prima o dopo la promozione, o un argomento storico o culturale.

Eventi Culturali Sicilia
Sito realizzato da Francesco Parrinello

traghettilines
SPAZIO PUBBLICITÀ