Testata
giornalistica
online

Direttore Responsabile
Natale Parrinello

Ricerca nel sito:

IN PRIMO PIANO

CALATAFIMI SEGESTA: LA SICILIA DAGLI INZI DEL `900

Il 6 e 7 agosto presso il quartiere Circiara.

Un ecomuseo che racconta la Sicilia degli inizi del ‘900. Un villaggio delle tradizioni, allestito nel quartiere antico della “Circiara”, dove il visitatore si troverà proiettato indietro nel tempo, tra le tante scene di vita contadina e le

25 Lug 2017

SCETTICUS E LO SPECCHIO DELLE TRAME

Della legge elettorale, del prima e del poi...

Specchio o specchio delle sue trame... aiutaci a svelare i complotti del parlamentare...la sua macchinazione è sempre perfetta...sembra che si "sciarria" ma proporzionale... maggioritario...mattarellum...porcellum...italicum...

03 Giu 2017

PALERMO: "CIAPANI" di MARCO BOVA

Mercoledì 24 Maggio presso Ordine dei Giornalisti alle 10:30

Nella sede dell’Ordine dei giornalisti di Sicilia, in via G. L. Bernini52, a Palermo, sarà presentato il docufilm "Ciapani – Trapani senza marketing", regia di Marco Bova. Un prodotto indipendente che racconta il viaggio metafisico,

22 Mag 2017

AGRIGENTO: LEONARDO DA VINCI E LA FRASE MUSICALE

Venerdì 19 Maggio presso l`Accademia di Belle Arti "Michelangelo"

Svelata la frase presente nel cartiglio musicale del ritratto di musico di Leonardo da Vinci. Lo studioso siciliano Giuseppe Petix presenterá le sue scoperte, in anteprima internazionale, presso l`Accademia di Belle Arti `Michelangelo` di

12 Mag 2017

FM 106.00 FM 106.00 FM 106.00 FM 106.00

Radio Azzurra & Kairos per la cultura

La redazione del sito di informazione culturale Kairos, nato da un`idea della giornalista Margherita Ingoglia, attraverso la fusione con Radio Azzurra, condurrà i suoi lettori in un nuovissimo viaggio artistico e letterario.

12 Mag 2017

BARCELLONA POZZO DI GOTTO(ME): PARCO MUSEO JALARI

Domenica 7 Giugno, organizzato da Startup Messina.

Si terrà domenica 7 maggio, alle ore 10:00, presso il Parco Museo Jalari di Barcellona Pozzo di Gotto, il terzo ed ultimo appuntamento messinese con le “Invasioni Digitali 2017”, evento organizzato per la città dello Stretto

06 Mag 2017

SCETTICUS: IL VOTO E` SEGRETO ANCHE PER "LUI"

Dentro la cabina elettorale a tutti è vietato guardare...

Si avvicina l` 11 giugno...tutti siamo chiamati al voto...e la cabina elettorale diventa il "regno" degli elettori...ciascuno può esprimere il consenso a chi gli pare... decidendo di dare la propria preferenza...

19 Apr 2017

"U ZZU CICCIU" HA RISCOPERTO IL CALCOLO INFINITESIMALE

di PEPPE DITTA – PACECO undici – dicembre 2006 – Ed. La Koinè della Collina

"U zzu Cicciu", contadino figlio di contadino, era avvezzo a una vita spartana e piena di stenti; anzi era vissuto, poverino, sin dalla nascita con gli stenti e per “tradizione” di famiglia non aveva conosciuto altro che privazioni!

“ U zzu Cicciu “, vuoi o non vuoi, era limitatissimo nelle esigenze, seguiva poco l’evoluzione sociale e, soprattutto, era e doveva essere di carattere risparmioso. Si alzava all’alba per andare a lavorare; per sua fortuna e comodità possedeva un asinello cagliaritano e quindi aveva un “tram” che gli consentiva di raggiungere il feudo dove lavorava e di tornare a Paceco dove risiedeva.

Durante il viaggio di ritorno c’era la possibilità di raccogliere un po’ di verdura, cresciuta vicino a scarichi d’acqua, che gli consentiva di riempire di più il “quararu” e di ovviare, così, alla penuria
cronica degli alimenti principali.

Un giorno d’estate uscì di casa alle tre di notte per riuscire a raggiungere il feudo appena in tempo per iniziare a mietere il grano.

Fatica e sudore !

Sulla via del ritorno a Paceco, seduto sul carro e dondolandosi per via della presenza delle “scaffe” disseminate sulla strada, pensava alla sua “Saridd(r)a” e ai suoi bambini che l’aspettavano con la solita minestra.

Notava sulla strada abbondante stoppia caduta dai carri che in quel periodo, numerosi, trasportavano i covoni dal punto di mietitura al “piazzamento” dove la trebbia aveva soppiantato completamente il lavoro degli uomini e degli animali nell’aia.

“ U zzu Cicciu “ pensò che anche “a ristuccia” poteva alleviare la pressante indigenza in cui si trovava e si mise a raccogliere la stoppia che trovava sparsa, ma abbondante, sulla strada e sui terreni limitrofi alla strada; “Saridd(r)a” l’avrebbe usata per cuocere le pietanze.

Trovandosi con abbondante stoppia sul carro s’invogliava, ogni qualvolta ne trovava altra, dicendo: “ E chissa è nnenti”!
Non si arrese neanche quando la stoppia gli formò una “tomita” sul carro e l’asino cominciò a dare segni di stanchezza.

“ E chissa è nnenti” continuava a dire quando si chinava per raccogliere altra stoppia; e così il tempo trascorreva e “ U zzu Cicciu ” non faceva altro che salire e scendere dal carro per raccogliere altra “ristuccia”.

Diceva così per incoraggiarsi a raccogliere altra stoppia giustificando che quanto raccoglieva rappresentava per il somaro un peso trascurabile.

“ E cchissa è nnenti ”; scendeva dal carro, raccoglieva altra stoppia e via via aumentava l’altezza della sua “poltrona”, che raggiunse la quota di un piccolo “Castellaccio”. Rivolse uno sguardo all’asino madido di sudore e gli disse: “Scusami Cicciu” (aveva attribuito all’asino il suo stesso nome), “ e cchissa è nnenti”: fu l’ultima volta che raccolse la stoppia, avendo avvistato il campanile della Chiesa Madre.

L’asino aveva i “naschi tanti” ansimava come un mantice, aveva la bava alla bocca, tirava il carro con enorme fatica, ma si “convinse” che per questioni di dignità doveva arrivare a casa; “ a zza “Saridd(r)a” uscì con gli occhi lucidi, non più oppressa dall’ansia accumulata per il ritardo del marito, e salì sulla “
tòmita” per abbracciarlo.

“ U zzu Cicciu ” scese dal "Castellaccio” e abbracciò i figli, Pitruzzu e Carminedd( r )u. “ U sceccu” non poté aspettare un altro minuto per festeggiare il ritorno a casa, in quanto stramazzò al suolo, morto.

“ U zzu Cicciu “ pianse per aver perduto un collaboratore domestico e un bene! Fra un singhiozzo e l’altro si rivolse alla moglie, anche lei piangente, e le disse: “Saridd(r)a” mia, ‘un ci criria che tanti nenti putianu ammazzari u sceccu”.

Il calcolo infinitesimale è nato nell’era precristiana dalle idee, ancora in forma larvata, del matematico greco Eudosso di Cnido; fu formalizzato, dopo contributi significativi di diversi matematici, nel XVII secolo dai matematici Leibniz, tedesco, e Newton, inglese.

Ma è stato riscoperto, inconsapevolmente, da “ u zzu Cicciu “ di Paceco nei primi decenni del XX secolo.

(Foto tratta da www.agraria.org.)

Autore: Natale Parrinello

Cultura

Una passeggiata per la città dalle cinque torri: Trapani

Curiosità tra le antiche vie

Trapani all`apparenza è una città dormiente, per come la conosciamo. Ci fu un tempo in cui (XIV e XV sec.) fu il baluardo politico, economico e culturale più importante della Sicilia occidentale, per la collocazione geografica, per i porti (ne

SCETTICUS: PERCHE` MI GUARDI COSI` ?

La "controemigrazione"...

Sono povero come vuoi tu... ho i jeans rattoppati...un`espressione beata...con la laurea in tasca...senza futuro...pronto per emigrare...

SCETTICUS: ARRIVERA` L` 11 GIUGNO

Ci sarà la svolta ?

L` 11GIUGNO, i Siciliani saranno chiamati alle URNE per scegliere i loro amministratori. Scetticus si veste da Sherlock e riflette...

Il grande Esodo della Sicilia Occidentale tra il 1880 ed il 1924

Il Museo dell’Emigrazione di Santa Ninfa

Foto: ELLIS ISLAND (l`isola delle lacrime) - Andare a Santa Ninfa, piccolo comune del trapanese, con il gruppo di simpatizzanti archeologi del GAD ed imbattersi nel Museo dell’Emigrazione, quasi per caso.

SCETTICUS: SPQR

Un senato costituzionalmente cagionevole

Una volta, i patrizi ed i plebei accedevano al seggio senatoriale e indossavano la "candida" in segno di riconoscimento ...a ottobre prossimo ...

SCETTICUS: LE COPPIE DI FATTO

"Civil partnership" or "Common-law marriage"

Ma come mai questa volta non hanno scelto l`inglese....come altre volte? "reverse charge" ..."privacy"..."governance"... "question time"..."jobs

SCETTICUS: LA PENSIONE CHE VERRA`

Pensioniamoci sopra...

Abracadabra...la pensione c`è e non c`è...per alcuni c`è eccome c`è...per altri ci potrebbe essere...ma non si sa quanto...per molti non si sa quando e se ci sarà un

"U ZZU CICCIU" HA RISCOPERTO IL CALCOLO INFINITESIMALE

di PEPPE DITTA – PACECO undici – dicembre 2006 – Ed. La Koinè della Collina

"U zzu Cicciu", contadino figlio di contadino, era avvezzo a una vita spartana e piena di stenti; anzi era vissuto, poverino, sin dalla nascita con gli stenti e per “tradizione” di famiglia non aveva conosciuto altro che

I Sicani: dalle alture di Caltanissetta al Mare di Gela

Alla scoperta della Sicilia Antica

Con il Gruppo Archeologico “Drepanon” di Trapani(www.drepanon.org) dal 25 al 27 aprile 2014 abbiamo visitato alcune delle are archeologiche del territorio di Caltanissetta. Uno spettacolo mozzafiato si è aperto davanti al gruppo, allorchè

L’agorà di Paceco

Sopravvivenze sociali, per fortuna!

Spesso abbiamo parlato di monumenti ed eventi culturali, rispolverando temi cari all’archeologia ed alla storia di un territorio, ma finora, credo, non è stato ancora presentato una località e la sua organizzazione urbanistica per esaltarne il

INFORMAZIONI

Se desideri scrivere un articolo, invialo all'indirizzo redazione@eventiculturalisicilia.it lo prenderemo in considerazione e lo pubblicheremo con il nome dell'autore.

Oppure puoi fare una segnalazione riguardante un evento, prima o dopo la promozione, o un argomento storico o culturale.

Eventi Culturali Sicilia
Sito realizzato da Francesco Parrinello

traghettilines
SPAZIO PUBBLICITÀ