Testata
giornalistica
online

Direttore Responsabile
Natale Parrinello

Ricerca nel sito:

IN PRIMO PIANO

La corsa dei Cavalli

C’era una volta Trapani

Nei giorni 15 e 16 agosto a Trapani non si lavorava. Il 15 agosto andai a vedere la corsa dei cavalli in via G.B.Fardella, allora priva del marciapiede centrale, chiusa coi recinti in legno da lato a lato, con le traverse sud transennate.

23 Mar 2021

MARSALA: PARCO ARCHEOLOGICO LILIBEO

Il Sindaco Grillo ha incontrato la nuova direttrice del Parco.

Il Sindaco di Marsala Massimo Grillo e l`assessore ai Beni Culturali Arturo Galfano hanno incontrato la direttrice del Parco Archeologico Lilibeo Anna Maria Parrinello. Per la neo direttrice, che va a prendere il posto di Enrico Caruso andato in

12 Feb 2021

MARIANOPOLI(CL): UN MUSEO DELLA CIVILTA` SICILIANA

Una popolazione di circa 1900 abitanti ricca di storia.

Nel centro della Sicilia sorse una delle più antiche civiltà risalente a più di 5000 anni, Castellazzo di Marianopoli. I villaggi nascevano sulle alture lungo gli assi dei corsi d’acqua principali come il fiume Platani.

18 Nov 2019

PALERMO: ILLUSTRAMENTE

Festival dell`Illustrazione e della Letteratura per l`Infanzia

Dal 20 al 24 Novembre 2019, settima edizione “Quando le sirene avevano le ali, radici per volare insieme” Dal racconto orale alla fiaba.

15 Nov 2019

ERICE: LE GIORNATE DELL`ARMONIA E DELLA BELLEZZA

Il 13 Ottobre al Teatro Gebel Hamed

Il borgo medievale di Erice entra a far parte degli eventi della “Settimana tedesca in Italia” organizzata dall’Ambasciata della Repubblica Federale di Germania.

07 Ott 2019

PALERMO: I comuni siciliani sono social?

Convegno organizzato da PA social

I Comuni siciliani sono social? Risponde l’analisi di Generazione Y al convegno “Le PA social hanno una marcia in più.

04 Ott 2019

CUSTONACI: "UN BORGO DI LIBRI ED AUTORI"

Alle Grotte Mangiapane la nuova rassegna letteraria.

«Un’interessante ed innovativa rassegna letteraria allieterà, per diverse serate, gli appassionati ed i turisti, che si ritroveranno a Custonaci durante l’estate 2019.

15 Giu 2019

RICCHEZZA CULTURALE CRISTIANA TRA AFRICA E ROMA

Trapani com`era

Ci fu un tempo a Trapani in cui la cristianità non era intesa come conquista e dominazione, ma come accoglienza e conciliazione di culture religiose mediterranee. Ci sembrerà strano ma secondo un nostro concittadino, lo storico Prof. Salvatore CORSO, il cristianesimo a Trapani è arrivato dall’Africa e soprattutto dal paese più vicino:la Tunisia.
Per conoscerci veramente dobbiamo prima sapere chi siamo. E per sapere chi siamo dobbiamo voltarci indietro e conoscere il nostro passato. Ci vuole poco a perderne la memoria, basta andare avanti di qualche generazione e non riconoscerci più.

Cartagine, Tunisi , Sfax furono le città da cui ebrei e cristiani giunsero a Trapani e dove i nostri antenati trapanesi tonnaroti e salinai andavano a lavorare. Da quei luoghi, nel I sec. d.c., venne importata la concezione religiosa cristiana che i trapanasi/ericini hanno poi adattato a quella precedente elimo-punica incentrata sul culto ericino della Dea Madre (Tanit).
Ad Erice (l’etimologia della parola significa Monte; "`U Munti" dicono i Trapanesi) esisteva un culto della Dea Madre che era il punto di riferimento religioso di tutto il Mediterraneo. I marinai ed i pellegrini arrivavano da tutti i paesi prospicienti il Mediterraneo portando grandiosi doni in oro (che poi furono trafugati dai Romani, alcuni dei quali si trovano anche al Palatino).
Il culto era servito da sacerdotesse: le "ierodule" e veniva festeggiato due volte l’anno. Il 25 ottobre, con un volo di colombe-migranti che dal monte Erice andava verso il mare (Anagogia),in Africa dicevano taluni, ma che probabilmente si fermava al Castello Punico di Trapani, denominato per l’appunto "Colombaia", e il 23 aprile, quando lo stesso stuolo di colombe ritornava dal mare (Katagogia). Il tutto tra canti evocativi riecheggianti per tutta la Sicilia. Era questa la festività per propiziarsi le due stagioni: la stagione invernale e quella estiva. "‘U mmernu" e "la staciuni" dicono i Trapanesi, evidenziando che le stagioni da noi erano solo due. Non c’è infatti nel vocabolario siciliano una parola che indichi la primavera o l’autunno.

Esiste un’antica strada che da Erice porta alle grotte di Scurati e poi fino a San Vito, costellata da pietre miliari. Sulle quali non ci sono segnati i Km, ma c’è disegnata la forma stilizzata di una donna : "`a pupa", la chiamano le nuove generazioni a Custonaci. Ne hanno perso la memoria! Non sanno che quella è la Dea Madre, che attraverso i secoli assunse diversi nomi (Erycina Venus per i romani). Però a Custonaci e ad Erice , l’ultimo mercoledì di agosto, si festeggia La Madonna . Anche a Trapani il 15 agosto si festeggia La Madonna. Nell’uno e nell’altro caso la leggenda dice che, sia il quadro della Madonna di Custonaci, sia la Statua della Madonna di Trapani,vengano dal mare! Ecco ritrovato l’origine della cristianità nel territorio di Trapani. E nel contempo a Tunisi si festeggia la Madonna di Trapani.

Le leggende e le festività ci fanno risalire alla storia delle nostre origini culturali! Sulle festività religiose si basa il lavoro del Prof. CORSO. Secondo lo storico trapanese, il ritrovamento di identiche festività religiose in Tunisia e nel territorio di Trapani la dice lunga.
Il culto di un martire cartaginese, S.Giuliano, (S.Iuono per i siciliani), nel 259 d.c.,fu importato dai pescatori trapanesi e nel nostro territorio divenne così importante, che sotto i Normanni tutto il Monte e la città di Erice assunsero il nome di Monte S.Giuliano. Al Santo fu edificata la più antica chiesa dell’Acropoli e divenne il Santo Protettore di tutto l’agro Trapani/Erice, molto prima di S.Alberto. Ne sono rimaste a testimonianza le filastrocche dialettali.
Il culto di S. Placido e 30 compagni, martiri in Sicilia, venerato il 5 ottobre in località "Azakalazir", tra la città di Trapani e il Monte (oggi Raganzili), fu ritrovato sul calendario cristiano del V sec.di Cartagine con lo stesso giorno di culto. Da noi restò traccia di questo culto in località Bonagia(=Luoghi Santi) con la chiesetta di "Tutti i Santi".
Il culto di San Liberale (Santu Libiranti), vescovo di Cartagine, venerato in una chiesetta trapanese costruita sugli scogli di tramontana, là dove dice la leggenda i pescatori ne ripescarono il corpo.
A Favignana esiste la chiesa di Santa Caterina di Alessandria (d’Egitto) martire.

Nel X e XI sec. Trapani appare una comunità multietnica (gli ebrei sono un terzo della popolazione) e ricca sia per gli scambi commerciali che per quelli culturali, la sua religione è la tolleranza reciproca, il suo porto è uno scalo internazionale! Ma con l’assetto Normanno subentra la Chiesa di Roma con il rito latino e dopo la caduta degli Svevi arrivano prima le crociate con le loro mercanzie trafugate in oriente e poi gli ordini mendicanti . Tutto cambiò, pian piano nacque un’intolleranza verso i non cristiani che portò nel 1392/1393 all’eccidio degli ebrei sia a Trapani che ad Erice. Trapani cattolica scaccia i suoi figli non cattolici.

I tempi che seguirono videro cadere la città verso l’oscurantismo religioso: i gesuiti monopolizzarono l’istruzione e preclusero ogni forma di libertà e tolleranza religiosa verso i non cattolici. La ricchezza paleocristiana dell’accoglienza divenne predominio e sterile gerarchia clericale imperante, di cui tutt’oggi ne riceviamo le conseguenze.

Autore: Mariarosa Fiorino

Cultura

RICCHEZZA CULTURALE CRISTIANA TRA AFRICA E ROMA

Trapani com`era

Ci fu un tempo a Trapani in cui la cristianità non era intesa come conquista e dominazione, ma come accoglienza e conciliazione di culture religiose mediterranee. Ci sembrerà strano ma secondo un nostro concittadino, lo storico Prof.

Foto non disponibile

PRIZZI (PA): un borgo da visitare

La Montagna dei Cavalli e l`antica Hippana.

Prizzi, paesino di circa 4000 ab. a 1045 metri di altezza, circondato da fresche aree selvatiche e naturali, che sovrasta i Monti Sicani su cui è arroccato, offre un panorama mozzafiato.

MAZARA DEL VALLO: APPUNTAMENTI CULTURALI ESTIVI

Giovedì 20 Giugno ore 21:00 Piazza Mokarta

Sulla Terrazza dell’Alhambra si inaugura la stagione degli appuntamenti culturali estivi promossi dall’Istituto Euroarabo di Mazara del Vallo, con il patrocinio dell’Amministrazione civica e in collaborazione con gli Amici della Musica, le

MONTALBANO ELICONA(ME): FRA I BORGHI PIU` BELLI D`ITALIA

La valorizzazione dei luoghi passa anche attraverso il cantautore Franco Battiato

Montalbano Elicona, uno dei Borghi più belli d`Italia ha aderito al comitato "Milo Franco Battiato". La Sicilia è fucina di illuminazioni artistiche e la storia ci riporta numerosi esempi anche di forestieri che dalla notte dei tempi

TERRASINI(PA): QUANDO CORREVA IL NOVECENTO

Mostra fotografica il 18 e 19 Maggio dalle 17:30 presso Biblioteca Comunale

Fotografie di Caterina Blunda, Evelin Costa, Mara Manzella, Pino Manzella, Nicola Palazzolo e Massimo Russo Tramontana. Dall’introduzione di Lavinia Spalanca: Dov’eravamo mai in quel mattino / quando correva il Novecento…».

PALERMO: CICLO MISTERI

Sabato 18 maggio

Antichi rituali, formule incantatorie e significati magico – simbolici, tramandati da generazioni a generazioni, che trovano origine in un passato assai lontano al centro di “Palermo misterica.

ALLA SCOPERTA DELLA SICILIA ANTICA

Escursione del Gruppo Archeologico Drepanon

“Alla scoperta della Sicilia antica” è il fortunato slogan con il quale Gruppo Archeologico Drepanon, da ormai tredici anni, fa riscoprire ad un numero sembra maggiore di appassionati il patrimonio culturale meno noto della Sicilia e non solo.

Una passeggiata per la città dalle cinque torri: Trapani

Curiosità tra le antiche vie

Trapani all`apparenza è una città dormiente, per come la conosciamo. Ci fu un tempo in cui (XIV e XV sec.) fu il baluardo politico, economico e culturale più importante della Sicilia occidentale, per la collocazione geografica, per i porti (ne

SCETTICUS: ARRIVERA` L` 11 GIUGNO

Ci sarà la svolta ?

L` 11GIUGNO, i Siciliani saranno chiamati alle URNE per scegliere i loro amministratori. Scetticus si veste da Sherlock e riflette...

Il grande Esodo della Sicilia Occidentale tra il 1880 ed il 1924

Il Museo dell’Emigrazione di Santa Ninfa

Foto: ELLIS ISLAND (l`isola delle lacrime) - Andare a Santa Ninfa, piccolo comune del trapanese, con il gruppo di simpatizzanti archeologi del GAD ed imbattersi nel Museo dell’Emigrazione, quasi per caso.

INFORMAZIONI

Se desideri scrivere un articolo, invialo all'indirizzo redazione@eventiculturalisicilia.it lo prenderemo in considerazione e lo pubblicheremo con il nome dell'autore.

Oppure puoi fare una segnalazione riguardante un evento, prima o dopo la promozione, o un argomento storico o culturale.

Eventi Culturali Sicilia
Sito realizzato da Francesco Parrinello

traghettilines
SPAZIO PUBBLICITÀ